Progetti | a modo mio


Interviste #1: Gianluigi Vimercati Castellini

Al Rocol di Ome (BS): per vivere un'autentica esperienza agrituristica.


 

L’agriturismo Al Rocol di Ome è stata una delle prime realtà di questo genere ad essere avviate in provincia di Brescia. Giusto vent’anni fa Giovanni Vimercati, allora imprenditore tessile, decise che era tempo di cambiare. La madre di Giovanni, la signora Gina Castellini, madrina storica degli alpini di Ome, tra le prime due donne patentate a Brescia nel lontano 1929 – giusto per dare un’idea del personaggio – svolgeva attività di imprenditrice agricola nelle proprietà di famiglia e grazie a lei fu possibile ottenere la licenza.

 

Da allora il movimento agrituristico bresciano è cresciuto fino a superare oggi quota 320 strutture, fatto che lo colloca al primo posto a livello regionale. La moglie Daniela è l’apprezzata cuoca di casa, mentre col tempo i figli Gianluigi e Francesca si sono coinvolti completamente nell'attività familiare. Gianluigi, laureato in economia con una tesi in economia agraria sulle potenzialità dell’attività agrituristica, è un estimatore del modello altoatesino.

 

"Ammiro la loro capacità di comunicare tutti nella stessa direzione – afferma convinto Gianluigi – ad esempio, con il marchio del Gallo Rosso che certifica la qualità degli agriturismi altoatesini".

 

Gianluigi è l’attuale presidente di Agriturist Lombardia, nonché vicepresidente nazionale, e presto si recherà con altri colleghi proprio in Alto Adige per capire come là gli agriturismi riescano a fare al meglio rete con artigiani, gastronomie e altre eccellenze del territorio. Al Rocol l’attività vitivinicola è l’attività agricola principale. Coerentemente con l’attività agrituristica impiantata le bottiglie di Franciacorta prodotte sono consumante nell'agriturismo o vendute direttamente sul posto.

 

Riguardo all'installazione di Christo e Jeanne-Claude, The Floating Piers, l’opera d’arte più visitata al mondo nel 2016, il giudizio è positivo, soprattutto perché ha creato un ponte permanente tra Franciacorta e Lago d’Iseo, mai come in questa occasione finalmente consapevoli di poter essere un binomio vincente. Durante quelle giornate i trenta posti letto Al Rocol sono andati letteralmente a ruba, soprattutto tra gli stranieri. Ricadute? Già subito dopo lo smantellamento dell’installazione gruppi di tedeschi sono voluti venire a vedere il lago dove è accaduto l'evento e alcuni degli ospiti di quelle giornate hanno già fatto sapere che torneranno presto per andare per vigne e cantine. E guardando al futuro? Per Gianluigi è necessario sviluppare a fondo le sinergie possibili tra gli agriturismi e le realtà che offrono esperienze culturali, sportive ed enogastronomiche presenti sul territorio. Dubita, invece, che sia necessario aumentare i posti letto, perché al turista questa zona piace proprio perché un po’ appartata e meno caotica di altre, connotazione a suo dire da preservare come carattere distintivo. E ancora plaude all'iniziativa Terra della Franciacorta, accordo tra i comuni della zona per la salvaguardia della risorsa paesaggistica di questo territorio, affinché non venga consumata da ulteriori espansioni edilizie, ma possa invece contribuire a generare ricchezza, occupazione e benessere anche in futuro.

 

Il primato agrituristico bresciano poggia sul lago di Garda e la Franciacorta, zone ad altissima vocazione turistica. Negli ultimi anni anche le valli, in particolare la Valle Camonica, hanno dato il loro contributo. Le numerose startup promosse da giovani agricoltori ingegnosi nel trovare nuovi sbocchi ad una agricoltura altrimenti marginale ed eroica, difendono anche il territorio dal dissesto idrogeologico. L’attività agrituristica ha a portata di mano un enorme plusvalore, non ancora del tutto sfruttato e neppure capito fino in fondo.

 

Mentre concludo l'intervista un gruppo di turisti svedesi esce dalle cucine dove mamma Daniela ha appena tenuto un corso, e si recano ora a visitare l’adiacente cantina. Concluderanno la giornata con cena e pernotto. La formula magica se vogliamo è semplice: metterci cuore, autenticità e ospitalità familiare. Come il cestino di liquori fatti in casa che Al Rocol viene portato ad ogni fine pasto in tavola per coccolare i propri ospiti.

 

Agriturismo Al Rocol

via Provinciale 79 - 25050 Ome (BS)

Tel/Fax 030 6852542

info@alrocol.com

www.alrocol.com

 

 

0 Commenti

Baccosullelba.it

Un progetto “datato” nato per amore di quest’isola e dei suoi vini.


Rientrando nel 2007 da un periodo di vacanza sull’isola, mi lanciai con entusiasmo in questa impresa. Dopo giorni e giorni passati tra sabbia, scogli, mare e creme abbronzanti il richiamo della vigna e del vino si era fatto sentire in maniera improrogabile.

Ed ecco che cercai di conoscere le realtà vitivinicole più significative dell’isola, ma soprattutto di assaggiare tutti i vini all'epoca acquistabili in cantina da qualunque turista. Mi cautelai con un quasi tra parentesi nel sottotitolo perché in effetti dovetti lasciare alcune schede vuote sparse per la guida.

Questi vuoti si giustificavano per l’impossibilità, in alcune cantine, di assaggiare i vini al banco del punto vendita – comunque quelli non in mescita li acquistai e successivamente mi riuscì pure di aggiungere qualche ulteriore scheda – in altre per la difficoltà nel raggiungerle,  ad esempio Tenuta Le Ripalte, in altre ancora per mancanza di prodotto imbottigliato, come nel caso dell’aleatico dell’azienda La Galea.

Gli assaggi furono fatti esclusivamente da me, utilizzando una scala centesimale. Ovviamente me ne assumo ogni responsabilità, in quanto riflesso del mio singolare ed individuale metro di giudizio. Da ultimo pensai bene di inserire alcune brevi note sul come raggiungere le varie cantine, visto che la segnaletica è spesso carente se non addirittura inesistente per problemi burocratici con l’ente parco.

Mi auguro di suscitare in voi la stessa curiosità che questi assaggi mi stimolarono verso i vini di questa stupenda isola. Ringrazio ancora oggi Antonio Arrighi, produttore e delegato AIS e l’amico ristoratore e sommelier Alberto Zanoli per il contributo decisivo che diedero a questo mio progetto.

 

PS Ritornai successivamente per un altro periodo di ferie sull’isola e  potei aggiornare il catalogo. Da allora purtroppo non ho più avuto modo di ritornarci, o meglio per vari motivi non mi è riuscito di cogliere le occasioni che ci sono pur state. Mi auguro questo mio lavoro risulti ancora di una qualche utilità e se nel caso a qualcuno interessasse darmi una mano a rinnovarlo sarò ben lieto di condividere lo sforzo necessario.

 

Vai al sito Bacco sull'Elba >>


Guida 2007 >>

Guida 2008 >>

0 Commenti

Il San Martino d'Oro compie due anni. Sulla via dell'eccellenza enologica fermana

Hotel Astoria, Fermo – 13 novembre 2016


Di premi nel mondo del vino se ne dispensano molti, forse troppi. Tuttavia questo progetto mi sta particolarmente a cuore perché onora già nel nome un santo, San Martino, caro all’agricoltura e ne ricorda la tradizione, che rimanda ai ritmi lenti e scanditi del mondo rurale dei tempi che furono.

Mi sta inoltre simpatico perché in concomitanza della sua festa, l’11 novembre, oltre a celebrare il capodanno rurale solitamente ci si gode uno scampolo fuori tempo massimo d’estate (in vero in questa occasione mancato clamorosamente…).

Terzo motivo che mi coinvolge nel progetto la passione per questa terra, il fermano, che mi ha regalato molto e accolto generosamente. Il poter contribuire a far accendere i riflettori sulle eccellenze enologiche di questo territorio, ancora poco conosciuto da questo punto di vista, dall'identità vincola sfocata nelle denominazioni d’origine del Piceno, mi ha convinto che aiutare la Libera Associazione Culturale Armonica-mente e la sua arcigna madrina Nunzia a far nascere questo nuovo premio non sarebbe stato peccato grave.

Ein Prosit!

 

A questa edizione hanno partecipato 21 cantine fermane, e i vini degustati sono stati

  • 16 bianchi di cui 3 DOCG, 6 DOC e 7 IGP Marche

  • 1 rosato IGP Marche

  • 19 rossi di cui 6 DOC, 10 IGP Marche e 3 vini rossi

Ecco quindi l’elenco dei premiati:

VINCITORE Vigneti Santa Liberata, Saggiolo 2015, Offida DOCG Pecorino

MENZIONE La Pila, Emmar 2015, IGP Marche Bianco

MENZIONE Terra Fageto, Fenésia 2015, Offida DOCG Pecorino

MENZIONE Vini Firmanum, Ophites 2015, Falerio DOC Pecorino

MENZIONE Vittorini, Crocifisso 2014, IGP Marche Bianco

MENZIONE Le Corti dei Farfensi, S. Ioseph 2013, Rosso Piceno DOC

Ecco cosa ne ha scritto la stampa locale.

E pure la web TV locale ne ha parlato.


0 Commenti